Fantasmi.

image

“I fantasmi non esistono. I fantasmi siamo noi, ridotti così dalla società che ci vuole ambigui, ci vuole lacerati, insieme bugiardi e sinceri, generosi e vili.”
Così recitava de Filippo in una delle sue commedie.
È un concetto sui cui rifletto spesso, e su cui purtroppo non so trovar risposta. Come è possibile essere accettati in una società in cui essere diverso viene visto come problema e quindi obbligato ad omologarsi al resto?
Com’è possibile che degli esseri pensanti tali quali a noi, chi più chi meno, nati allo stesso modo, fatti allo stesso modo, possano decidere cosa e come dobbiamo essere?

Com’è possibile che un individuo possa sentirsi normale solamente in compagnia della solitudine?

Dove sta quindi la felicità, la voglia di amare qualcuno, di vivere e soprattutto di condividere se non c’è nessuno disposto a scansarsi da questo sotterfugio?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...